L'amico Stylophonic presenta il singolo e a breve l'album

Da venerdì 10 novembre sarà on air in radio e disponibile sulle principali piattaforme streaming e in digital download, il primo singolo che annuncia il nuovo album di Stylophonic.

 

Continua...

Stefano Fontana, aka Stylophonic, è un vero amico di recreative12. il suo album uscirà a gennaio per la sua nuova label, la Beat Mansion Records, e sarà distribuito da Universal. Il nuovo singolo prende spunto dal famoso pezzo di John Lennon: “Working Class Hero”. Stylophonic aggiunge al titolo la parola "Club" per dedicare questo brano ai clubgoer, come se fosse la loro colonna sonora. “Working Club Class Hero”, è un brano che incrocia tutti gli stili che caratterizzano da sempre Stylophonic, sia come producer che come dj. Dalla house, al funk, fino alla techno di Detroit e il feeling hip-hop, la trasversalità del dj è chiara: "Mi sono sempre sentito un operaio della musica, lo studio e il club sono la mia catena di montaggio dove sperimentare e produrre musica per chi costantemente frequenta i club. Da qui la scelta di un titolo che potesse sintetizzare al meglio questo pensiero". "Working Club Class Hero" è un ovvio rimando a "Working class hero", di Lennon. Fontana, che mesi fa ha partecipato a un nostro Beat & Green, con questo album ha realizzato il proprio sogno: lavorare in uno studio a New York con un bravo cantante newyorkese (in questo album Kena Anae) producendo un disco nei mitici Bass Hit Studio, casa di tutti i più importanti lavori del Master at Work dall’inizio degli anni ‘90 sino ad oggi. A seguire il suo progetto è stato proprio Dave Darlington, uno degli ingegneri del suono più importanti per chi segue il suono house, ma più in generale il suono della città di New York da quasi trenta anni. Negli anni, Darlington ha prodotto artisti come Adeva, Master at Work, Nuyourican Soul, Todd Terry, Roger Sanchez, Technotronic, Armand Van Helden, Bob Sinclar, Take 6, Basement Jaxx. Tra gli altri ha mixato anche l’album “If On A Winter’s Night” di Sting e quasi tutte le produzioni top della Grande Mela di quel periodo passando dal jazz al latin fino all’urban.

"Voglio raccontarvi qualcosa sul nuovo disco di Stylophonic, 'We Are'. Ne vado molto orgoglioso perché il suo incrocio di stili mi rappresenta in pieno, come producer e come dj", dice Fontana: "house, funk, techno Detroit e feeling hip hop. Ho realizzato un sogno che avevo da adolescente, quello di lavorare a New York con un bravo cantante come Kena Anae Music Page, producendo nei mitici Bass Hit Studios, da cui sono usciti i più importanti lavori dei Masters at Work dagli anni '90 ad oggi. Al mio fianco ho avuto una persona fantastica, Dave Darlington, penso l’ingegnere del suono più importante per chi segue il suono “house” e in generale il suono di NY negli ultimi 30 anni".