L'ADE attrae un numero record di visitatori: 395mila

La 22a edizione dell'Amsterdam Dance Event registra un nuovo primato e vede confluire un numero impensabile di partecipanti: ben 395.000 da oltre 90 paesi del mondo.

 

Continua...

Con 7200 rappresentanti dell'industria elettronica mondiale che hanno partecipato alla conference provenendo da oltre 90 paesi, l'ADE, ovvero l Amsterdam Dance Event, ha ancora una volta consolidato la sua posizione di assoluta piattaforma mondiale per la musica elettronica. Quest'anno sotto i riflettori della visione globale di ADE il Marocco, evidenziando poi le regioni che crescono in musica dove i musicisti stanno mescolando i suoni locali con i battiti di ballo. Il Marocco occupa una posizione culturale unica: un'interfaccia tra l'Africa, l'Europa e il mondo islamico più ampio, con le sue antiche culture musicali che incorpora profonda e ricca comprensione della danza e della ripetizione. La sua scena di danza moderna è assolutamente del 21 ° secolo, e se attraverso giovani produttori marocchini o attraverso i festival internazionali che si svolgono nei suoi paesaggi mozzafiato, la sua influenza cresce anno su anno.

 

Ma è la Cina invece a essere sulla bocca di tutti: dj, produttori, discografici. C'era un apposito padiglione per questo mega territorio. È stata la prima volta, all'ADE, che un padiglione è stato costruito appositamente per un paese e le sue conferenze, i suoi forum e i suoi dibattiti: questo perché i cinesi hanno tutta l'intenzione di presentarsi nel migliore dei modi ai professionisti che lavorano nel settore della dance. Francia e Belgio intanto hanno anche dedicato il loro tempo alla comunicazione che riguarda il proprio mercato, ormai consolidato. Infine, molti dj hanno partecipato all'ADE Soundlab, dando un'idea del loro set live e da studio, tra cui Martin Garrix, Richie Hawtin, KiNK, Soulwax, Tiga, Oliver Heldens e altri ancora.

 

Il programma notturno ha incluso anche alcune esibizioni speciali in luoghi unici tra cui quella degli Underworld, che si sono esibiti al Rijksmuseum, o quella di Jameszoo e dell'Orchestra Metropole e quella di Colin Benders al Rembrandthuis.

Nel frattempo, a solennizzare la chiusura dell'ADE, anche la premiazione della Dj Mag Top 100 e la vittoria di Martin Garrix, che è stato nuovamente votato come dj più popolare del mondo. Anche la festa gratuita Hangover, tenutasi per la prima volta presso la NDSM nella parte nord di Amsterdam, è stata visitata da molte famiglie: questo dimostra che la passione per la musica elettronica non ha davvero età. Nella serata di chiusura, il compositore Philipp Glass si è esibito al Melkweg in uno show che ha fatto il tutto esaurito.