Ogni secondo le major incassano 150 dollari

Universal Music Group ha potuto godere pertanto del suo più grande primo trimestre degli ultimi 15 anni, con gli streaming che contribuiscono da soli al 46 per cento del totale dei ricavi.

 

Continua...

Le multinazionali della discografia Universal, Sony e Warner hanno totalizzato oltre 1 miliardo di dollari in streaming nel primo trimestre di quest'anno, generando quasi 150 dollari da Spotify, Apple Music, Deezer e similari ogni singolo secondo trascorso. Universal Music Group ha rivendicato una quota di mercato del 44% di questo introito, grazie ai 467 milioni di euro (498 milioni di dollari) guadagnati dallo streaming nel periodo che va sino alla fine del mese di marzo. UMG ha potuto godere pertanto del suo più grande primo trimestre degli ultimi 15 anni, con gli streaming che contribuiscono da soli al 46 per cento del totale dei ricavi. Il 55% dei guadagni dal gruppo nel primo trimestre vedono il fisico (cd, vinili) portare il 27% degli incassi e il 18% dal download). La Sony Music ha superato i 37,79 miliardi di yen (332 milioni di dollari) nei ricavi in streaming nel primo trimestre del 2017, afferrando una quota di mercato del 29% tra le major. Warner infine con 300 milioni di dollari in streaming rappresenta il 27% della torta totale. È interessante notare Universal, Sony e Warner abbiano superato i 824 milioni di dollari in entrate in streaming nello stesso periodo dell'anno precedente (primo trimestre 2016).