Hannes Bieger dà le dritte sulla produzione con i synth

Da un missaggio puro per il monitoraggio sino all'overdubbing, dalla consulenza per esibizioni live alla più completa produzione musicale.

 

Continua...

Nell'ultimo numero di DJ Mag Italia, da giorni in edicola, nella sezione “Tech: In the studio with”, Hannes Bieger dimostra di essere un infinito conoscitore del suono. Oltreché un vero collezionista di strumentazione vintage, il produttore tedesco spiega a DJ Mag Italia molte dritte sui synth. Un esempio? Sul Moog modulare. “Che è diverso da tanti: qualcuno di recente lo ha descritto come un 'Minimoog con gli steroidi'. Non si è necessariamente obbligati a fare cose eccessivamente pazze, con esso. La chiave per la sintesi modulare, come la maggior parte delle cose nella vita, è sapere quando fermarsi. Dal momento che non ha preset, ho dovuto imparare a fondo cosa fosse davvero un Minimoog. Ho raggiunto il limite massimo delle sue possibilità molto tempo fa. Quando la Moog ha reintrodotto i modulari, mi sono sentito felice”. Bieger nell'intervista parla di Danger Mouse, di continui duelli tra analogico e digitale, dispensa consigli dalla sua esperienza come collaboratore di Sound On Sound e Bonedo. Bieger è consulente per Ableton, docente presso la Popakademie Baden-Württemberg, ingegnere del suono alla Calyx Mastering, Hannes Bieger ha firmato con EMI Music Publishing e Mole Listening Pearls per i suoi progetti Airmate e Llava.

Info su www.hannesbieger.com

Scrivi commento

Commenti: 0