Chainsmokers, 5 dritte sulla produzione musicale

Con il singolo "Closer" cantato da Halsey The Chainsmokers sono stati protagonisti dell'estate. E ora ci danno qualche dritta.

 

Continua...

I Chainsmokers riservano, attraverso il sito Music Radar,  5 dritte sulla produzione musicale. Reduci dal successo del singolo "Closer", cantato da Halsey, la coppia) ha contribuito con questa traccia a consolidare la colonna sonora dell'estate restando in testa alle classifiche negli Stati Uniti.

 

Drew Taggart e Alex Pall, dopo brani come "Do Not Let Me Down" (con Daya) e "Inside Out" (con Charlee), sulla scia di "All We Know" (con Phoebe Ryan), in Italia tutti su Sony Music, partono dal primo punto.

 

1. Less is more, ovvero... meno è meglio

"Quando abbiamo iniziato a produrre, volevamo fare un sacco di layering per riempire il più possibile il suono e il mix, nel tentativo di rendere ogni nostra produzioni unica. Alla fine, ci siamo resi conto che questa era solo una perdita di tempo e una fatica sprecata. Oggi siamo molto attenti ai suoni che usiamo. Cerchiamo di trovare un grande suono, speciale, che si distingua da solo, dalla massa e nel mix. Per chi cerca volume, poi, meno suoni ci sono in un mix e meglio è".

 

2. Coltiva la tua creatività al momento giusto

"Non sempre uno si sente ispirato. Abbiamo trascorso settimane in studio cercando di sforzarci a trovare delle idee e ci siamo resi conto che una vera e grande idea arriva quando vuole lei. E quando arriva bisogna approfittarne. A volte le idee arrivano in un momento inopportuno, come quando stai per addormentarti o mentre sei in macchina. Devi fare del tuo meglio per registrare dei memo vocali o trascrivere la cosa su un foglietto".

3. Fidati del tuo intestino

"La musica è sensazione. Se si inizia a lavorare su qualcosa che hai amato per tanto tempo ma che a un certo punto è diventato stantio, brutto, vecchio, sorpassato, e non ti piace più allora fai una cosa: buttala e guarda avanti. Non fare le cose a tavolino. Mettici il cuore. Sempre. Ci sono stati innumerevoli volte in cui abbiamo ripreso delle vecchie melodie o dei vecchi testi, quando avevamo bisogno di nuove canzoni. Magari non erano scritte nel momento giusto o per la traccia giusta".

4. Quando non ti senti ispirato, trovare un nuovo strumento per suonare

"Avete presente quei giorni in cui tutto ciò che si suona al pianoforte, al synth o alla chitarra è pessimo? Probabilmente si sta bruciando lo strumento che si usa di più e da tempo. Quindi noi ti diciamo di fare una cosa: cambia. Trovatevi un nuovo... giocattolo. Le nostre canzoni di maggior successo sono state scritte subito dopo l'acquisto di un nuovo strumento musicale e non è detto che questo debba per forza essere un hardware. Un suono nuovo prende e ispira la mente e stimola la creatività".

 

5. Le percussioni sono tutto (ma gli accordi sono importantissimi)

"Sì, è vero, cassa e ritmica sono tutto, nella dance, soprattutto quando si sta seguendo la regola del 'less is more'. Vale la pena di mettere nel sequencer tutti i kit di batteria. Questo non significa che si debbano evitare le librerie. Certo è che ogni suono deve essere proprio, personale. E non è finita: in fase creativa, creare nuovi suoni, non convenzionali, è tutto. Siamo stati in studio con Jonsi dei Sigur Ros e mentre usava il suo kit di percussioni ha inserito col computer una serie di frammenti di voce e un distorsore. Inoltre, pensate alle vostre composizioni, alla musica, alla melodia e gli accordi: se evocano abbastanza emozione per conto proprio, quando aggiungere le tracce di ritmica si animeranno e diventeranno straordinariamente belli".

Scrivi commento

Commenti: 0