Novità dall'ADE a meno di un mese dall'edizione 2016

Il programma dell'Amsterdam Dance Event 2016 è stata completato, definito e annunciato. Altri artisti, i relatori e gli eventi sono quindi pronti per questa nuova edizione.

 

Continua...

Il programma completo per l'ADE 2016 viene presentato oggi: l'Amsterdam Dance Event prevede un record di visitatori (375mila) che frequenteranno i 140 club e locali disseminati in tutta Amsterdam. Alla prossima edizione, che si terrà dal 19 al 23 ottobre, parteciperanno oltre 2200 artisti, 450 delegati e un 140 location. La kermesse diventa così il più grande festival specializzato in clubbing, djing e dance al mondo consacrandosi come la piattaforma di business leader per l'industria musicale elettronica. Per l'edizione 2016, la 21esima, l'organizzazione prevede di accogliere un numero record di visitatori: ben 375.000.

 

Il programma di quest'anno copre l'intero spettro di generi e sottogeneri dell'elettronica, con più di 2200 artisti in 140 delle più belle location della vita notturna di Amsterdam, tra cui i principali luoghi come il Melkweg, il Paradiso, Westergasfabriek, il Concertgebouw, l'Heineken Music Hall, lo Ziggo Dome e il NDSM Wharf.

 

Nuovi artisti si uniscono ora alla line-up: Afrojack, Anja Schneider, Antal, Armin van Buuren, Boddika, Breach, Danny Daze, Dimitri from Paris, DJ Stingray 313, Eats Everything, Erick Morillo, Floating Points, Four Tet, Heidi, HVOB, I-F, Job Jobse, Legowelt, Martin Solveig, Matthew Dear, Modeselektor, Moodymann, Oliver Heldens, Philip Glass, The Hacker, Todd Terry, Tom Trago ,Voices From The Lake, and Yellow Claw e Young Marco.

Diviso in nove programmi a tema, il programma delle conferenze copre ogni aspetto della moderna industria musicale, con la programmazione dedicata ai professionisti, alle start-up, ai produttori e ai musicisti, agli studenti, ai VJ, agli artisti visivi e agli aspiranti scenografi. I programmi dell'ADE dispongono anche di competenze approfondite e di comprensione e studio dei generi musicali più hard e urban, la connessione tra la dance e i brand, il rapporto tra la musica e la tecnologia, e, soprattutto, le pratiche ecologicamente responsabili e sostenibili per l'industria della musica dance mondiale, dei festival e del clubbing.

 

Hanno assicurato un contributo Joris Voorn (NL), Laurie Anderson (USA), Philip Glass (US) e Nicky Romero (NL), oltre a Rob Newlan (GB, direttore EMEA Facebook) e Matthew Ogle (GB, creatore di Discover Weekly di Spotify). Ci saranno anche Steve Bartels (US, CEO dell'etichetta Def Jam), Molly Neuman (Stati Uniti, Capo della sezione musicale di Kickstarter) e il produttore Hudson Mohawke (GB) in occasione delle conferenze. 

 

Per ADE Playground, un vasto programma notturno e diurno che a livello culturale completa e approfondisce tutta le tematiche presso le già citate sedi di Amsterdam. Nella cinque giorni di eventi è stato anche allestito un negozio pop-up, vari workshop dedicati all'hardware, conferenze e corsi di perfezionamento, così come delle mostre fotografiche, di arte, film e documentari, tutti vicine ai volti della cultura della dance mondiale. Per ulteriori informazioni su ADE: www.a-d-e.nl.

Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Spencer Mclane (domenica, 05 febbraio 2017 15:37)


    Attractive section of content. I just stumbled upon your web site and in accession capital to assert that I acquire actually enjoyed account your blog posts. Anyway I'll be subscribing to your augment and even I achievement you access consistently fast.

  • #2

    Kandra Holliman (lunedì, 06 febbraio 2017 05:04)


    Awesome post.