Playroom, l'elettronica dei Motel Connection finisce davanti al pubblico

Playroom è un'idea dei Motel Connection "messa in atto senza alcun fine: ci si incontra e si improvvisa musica insieme, davanti a un pubblico".

 

Continua...

"Un progetto che lascia speranze per il futuro: lascia intravedere che forse ci sarà un futuro per i Motel Connection, magari con un altro nome. Nei prossimi due anni, comunque, ognuno di noi sarà concentrato su altro". Con queste parole la band electro pop composta da Samuel, Pisti e Pierfunk, cambia direzione.

Playroom nasce da un’esigenza dei Motel Connection: arricchire l'unione tra pop ed elettronica. Per potenziale lo "spazio creativo" allora ecco Playroom. Dal lavoro in studio per comporre i brani alla creazione direttamente davanti a delle persone.

"Quando parli con un qualsiasi musicista con una forte impostazione elettronica, per lui andare in un negozio dove ci sono dei synth, degli arpeggiatori, degli oscillatori, delle macchine che servono per fare musica, è un po’ come andare in un negozio di giocattoli. Per noi la stanza dei giochi è sempre stata l’idea di misurarsi con degli strumenti che mettono in gioco la tua creatività", dicono Samuel, Pisti e Pierfunk a Nicholas David Altea di Wired. Ecco il perché di questo nome.

In un momento di massima attenzione nei confronti della musica elettronica e di isolamento, serve associazione, interazione e condivisione. Serve fare gruppo ed esperienza sociale nel verso senso del termine, senza dimenticare l'esperienza dei live. Se negli anni Novanta i dj seguivano la pratica del campionamento, significa che c'era l'esigenza di utilizzare parti non solo pronte all'uso e celebri ma anche di qualità professionale: la band così, davanti a un pubblico, e non solo in studio, elimina totalmente "gli strumenti elettrici e utilizza solo apparecchiature elettroniche”.

Scrivi commento

Commenti: 0