Nelson Mandela e la Musica

Tanti di noi hanno sentito di Nelson Mandela per la prima volta in una canzone - “Free Nelson Mandela”, cantata da Jerry Dammers di Special KA, è stata un hit nel 1984.

Nelson Mandela, leader iconico dell’anti-apartheid, è morto il 5 Dicembre di quest’anno all’età di 95 anni. Nella sua lotta contro l’apartheid è stato sempre sostenuto da musicisti di tutto il mondo. A metà degli anni 80, "Free Nelson Mandela" degli Special AKA è stato uno dei primi tributi alla sua lotta, sbocciando in concerti a grande scala come il famoso Free Nelson Mandela Concert al Wembley Stadium di Londra. Tutti cercavano di aumentare la consapevolezza del suo lavoro coraggioso per finire la segregazione in Sudafrica.

 

Nato il 18 Luglio 1918 ad Umtatu nella provincia sudafricana del Capo Occidentale, Mandela raggiunse notorietà nei primi anni 50 come leader della Defiance Campaign, la campagna di sfida che mirava a terminare il dominio del National Party della minoranza del paese. Essendo lui comunque alla guida di una frangia cui tattica includeva anche atti di violenza contro il governo, nel 1962 fu arrestato e condannato all’ergastolo per sabotaggio e cospirazione.

Durante i 27 anni passati dietro le sbarre nella durissima prigione di Robben Island, Mandela continuava la sua lotta, diventando un “cause célèbre” internazionale. A seguito di una campagna mondiale a favore della sua liberazione, guidata da musicisti famosi, fu rilasciato nel 1990. Dopo aver vinto il Premio Nobel per la pace tre anni più tardi, venne eletto primo presidente nero del Sudafrica nel 1994.

L’attuale presidente Jacob Zuma ha detto dell’attivista: “Quello che rendeva grande Nelson Mandela era anche quello che lo rendeva umano. Vedevamo in lui quello che cerchiamo in noi stessi”.

Elenchiamo alcuni degli eventi più significativi sia della campagna per la sua liberazione sia generalmente di sostegno e participazione da parte del mondo della musica:

Nel 1985, un anno dopo che la canzone "Free Nelson Mandela" del gruppo ska inglese Special AKA divenne una specie di inno internazionale di protesta contro la sua incarcerazione, Steven Van Zandt, gitarrista dell’ E Street Band, raccolse intorno a se un notevole numero di musicisti famosi nel progetto Artists United Against Apartheid, per protestare contro il regime sudafricano.

Al singolo “Sun City” hanno contributo icone del hip-hop come DJ Kool Herc, Grandmaster Melle Mel, Run-DMC, Afrika Bambaataa e Kurtis Blow, accanto a star di rock e pop come Bob Dylan, Ringo Starr, Lou Reed, U2, George Clinton, Joey Ramone, Pete Townshend, Hall & Oates nonchè i membri di Rolling Stones Keith Richards e Ronnie Wood. Tra gli strumentisti che hanno contribuito al LP completo ci sono nomi famosissimi come Ringo Starr, Zak Starkey e Tony Williams alla batteria, Pete Townshend, Stanley Jordan, Keith Richards, Ron Wood alle chitarre, Clarence Clemmons al sassofono, Miles Davis alla tromba, Herbie Hancock, Richard Scher, Robbie Kilgore, Zoe Yanakis alle tastiere, Doug Wimbish al basso e Ron Carter al contrabbasso.

Tra i concerti tenuti per la sua liberazione e di seguito poi come celebrazioni del suo compleanno, sicuramente il più famoso è il Free Nelson Mandela Concert del 1988, con canzoni di Sting, George Michael, Eurythmics, Al Green, Bee Gees, UB40, Stevie Wonder, Salt N Pepa, Whitney Houston e Peter Gabriel.

Anche il “An International Tribute for a Free South Africa” del 1990, due mesi dopo il rilascio di Nelson Mandela dalla prigionia, al quale participarono tra altri il Reverendo Jesse Jackson, l’attore Denzel Washington, Neil Young, il gruppo hip-hop Jungle Brothers, Tracy Chapman, Natalie Cole e Peter Gabriel, fu seguito in tutto il mondo.

Al concerto tenutosi nel 2008 in occasione del suo 90esimo compleanno a Londra nel Hyde Park c’erano Will Smith, Amy Winehouse, Josh Groban, Queen con Paul Rodgers, nonchè l’icona sudafricana della musica Johnny Clegg.

Tra gli altri momenti di “collegamento” tra Mandela e il mondo della musica c’è quello soprendente quando Mandela all’incontro con le Spice Girls durante il loro tour in Sudafrica nel 1997 dichiara scherzosamente che loro “sono le mie eroine. Questo è uno dei più grandi momenti della mia vita.”.

 

Il gruppo vocalista Ladysmith Black Mambazo, che ha collaborato nel 1986 con Paul Simon al suo album Graceland, è stato chiamato da Mandela “Ambasciatori culturale del Sudafrica”.

Un incontro piuttosto improbabile tra il rapper 50 Cent e Mandela nel 2008 ha impressionato il cantante, che dopo dichiara che è stato “illuminato in numerose maniere diverse”, spiegando che la visita del Museo sull’Apartheid accompanato dal nipote di Mandela sia stato emozionante perchè avere informazioni da qualcuno direttamente coinvolto negli avvenimenti gli abbia insegnato tantissime cose.

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0